/FIBRA OTTICA: COME FUNZIONA E DIFFERENZA DI COPERTURA
FIBRA OTTICA: COME FUNZIONA E DIFFERENZA DI COPERTURAGabriele Lamberti2018-09-05T17:02:57+00:00

DEFINIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE E DELLE DENOMINAZIONI DELLE DIVERSE TIPOLOGIA DI INFRASTRUTTURA FISICA

Una rete di accesso fisso è costituita dall’insieme degli apparati trasmissivi e delle infrastrutture civili che collegano la sede d’utente finale con il primo punto di presenza dell’operatore che eroga i servizi di accesso alla rete pubblica da postazione fissa, tale porzione di rete determina in modo rilevante le caratteristiche e le velocità del servizio erogato.

Può essere schematizzata, nel caso di una generica rete NGAN FTTx, nelle sue sezioni principali come in Figura.

Sono state identificate 5 tipologie di architettura fisica in funzione del livello di profondità con cui la fibra ottica si estende dalla centrale locale (primo punto di presenza dell’operatore che offre i servizi di accesso) verso la sede del cliente finale:

  • Reti FTTH
  • Reti FTTB
  • Reti FTTN
  • Reti FTTE
  • Reti FWA

Le prime quattro architetture riguardano un servizio erogato in modalità wired, in cui la porzione di rete è tipicamente divisa in due parti:

  • Primaria (da centrale a cabinet di zona o nodo)
  • Secondaria (da cabinet di zona a predisposto (sede cliente))

Le principali tecnologie utilizzate in questo ambito sono di tipo xdls e gpon.

Bollini Agcom, chiarimenti sulla tipologia di connetività

L’Autorità è stata chiamata a stabilire le caratteristiche dell’infrastruttura fisica e le corrispondenti denominazioni, in ottica funzionale alle comunicazioni offerte agli utenti finali, l’ambito di applicazione del presente provvedimento riguarda sia la clientela consumer che business.

Il disposto normativo stabilisce, inoltre, che la violazione delle disposizioni introdotte dall’Autorità rappresenta pratica commerciale scorretta ai sensi dell’art. 20 del codice del consumo.

Con la delibera 292/18/CONS l’AGCOM ha definito le peculiarità tecniche e le denominazioni delle varie infrastrutture di erogazione dei servizi di accesso fisso a banda larga e ultralarga ad utenti consumer.

Tale provvedimento è atto a chiarire ai fruitori dei servizi di connettività la reale tipologia di infrastruttura di accesso utilizzata; le differenti tipologie sono distinte attraverso l’utilizzo di “bollini” con sigle e colori differenti.

Andiamo ad analizzarli meglio.

Date le 5 le tipologie di infrastruttura, sono state definiti 3 “bollini” identificativi:

  • Bollino rosso, rame o radio. Questo bollino indica tutte le connessioni con una velocità che non raggiungono i 30 Mbps per le quali la fibra è presente solo in centrale (Exchange).
  • Bollino giallo, misto “Fibra/Rame” o “Fibra/Radio”. Connessioni di questo tipo, hanno standard di velocità di connessione paragonabili o superiori ai 30 megabit al secondo ma inferiore ai 200 megabit al secondo. La fibra è presente solo nella prima tratta della rete di accesso
  • Bollino verde, Fibra. Il bollino verde indica, invece, connessioni completamente in fibra, l’intero “percorso”, dalla centrale sino all’abitazione, sarà basato su fibra ottica e garantirà le velocità di connessioni ad altissime performance, fino a 1000 megabit al secondo.
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni Ok